Padova

21-24 Ottobre 2021

Padova

21-24 Ottobre 2021

08 mar

IL MITO DELLE BARCHETTE

in: AUTO D'EPOCA
images/5827/12-int-2.jpg

La nascita di un modello eccezionale

Essenziali, veloci, bellissime, le "barchette" appaiono sul finire degli anni 40: spider da corsa leggere, senza capote né fronzoli e con un parabrezza minuscolo per ridurre al minimo l'impatto con l'aria. Una ricetta efficace che permette di dominare negli anni eroici della Mille Miglia, della Targa Florio e di tante altre gare epocali.

Auto e Moto d'Epoca ha dedicato una bellissima retrospettiva completa  barchette Ferrari nel 2019.

La più "anziana" tra quelle esposte a Padova è stata la Ferrari 166 Mille Miglia carrozzata Touring del 1950 che fu di Gianni Agnelli, poi venduta in Belgio e, in seguito, portata in gara da Olivier Gendebien. Successivamente di proprietà del grande collezionista Ferrari ed ex pilota di Formula 1 Jacques Swaters, l'auto viene esposta al MoMA di New York e alla Nationalgallerie di Berlino come modello di design italiano. Nel 2015 è una delle vedettes del Concorso d'Eleganza di Villa d'Este.

Si trattava, del resto, di un modello fondamentale nella storia dell'auto. E' infatti, proprio Agnelli, al cospetto delle forme levigate della 166MM esposta al Salone di Torino del 1948, ad esclamare «Ma questa non è una macchina; è una barchetta!». Un commento prontamente registrato dal giornalista sportivo Giovanni Canestrini (uno dei creatori della Mille Miglia) e poi ripreso da Bianchi Anderloni (patron della Carrozzeria Touring di Milano) per definire la versione scoperta della 166 MM, realizzata per la Mille Miglia del 1949. Da allora il termine “barchetta” è entrato nella storia dei motori finendo per indicare l'intera categoria delle scoperte da corsa, ed è stato ripreso in tempi recenti per modelli esclusivi prodotti in serie limitata.